2019 04 20 remo storia nostraIl 20 aprile del 1944, a piazza dei Mirti, un gruppo di uomini a cavallo consegna agli abitanti di Centocelle una mandria di mucche, le hanno requisite verso Tivoli, gli uomini a cavallo sono di Bandiera Rossa e da mesi sfamano le famiglie dell’ottava zona oltre a dare filo da torcere ai nazisti.

La scena ce la immaginiamo come la fine di uno spaghetti western: una nube di polvere e il frastuono degli zoccoli che mano mano sono più vicini, i partigiani con una mano sulle redini e l’altra sulla

2019 02 06 don pappagallo storia nostra

Sabato scorso 26 Gennaio il Centro di Documentazione Maria Baccante Archivio Storico Viscosa e l’A.N.P.I. sezione Don Pietro Pappagallo Esquilino Monti Celio hanno inaugurato una targa alla memoria di Don Pietro Pappagallo, una delle 335 vittime trucidate dalle SS alle Fosse Ardeatine il 24 Marzo 1944.

 

2019 01 28 storia nostraIl ricordo di Bentivegna dell'insurrezione del 28 gennaio 1944: Centocelle si libera dai nazisti

"In un pomeriggio della terza decade di gennaio raggiunsi la borgata con l’ordine di dare inizio all'insurrezione... I compagni, che mi aspettavano, mi condussero subito in Piazza dei Mirti, dove già molta gente si era riunita. Aprii la manifestazione con il lancio delle parole d’ordine insurrezionali.Un paio di tedeschi, presenti nella piazza, capirono di che si trattava e si dileguarono: si

tiburtina valley

Il 28 dicembre 1946 la cooperativa edile stradale Tusculum redasse, incaricata dall’Istituto autonomo case popolari della provincia di Roma, il verbale dei lavori di riparazione dei danni bellici rilevati nella borgata San Basilio. Si trattava di danni lievi, relativi ai pannelli esterni di alcune casette, non paragonabili, per spesa ed entità, a quelli riscontrati in altri quartieri e borgate dell’Istituto.

casal bertone Luciana Romoli, partigiana ad otto anni.

Spesso sentiamo dire da chi si è macchiato dei peggiori crimini, collaborando allo sterminio nazista, che non poteva rifiutarsi di eseguire gli ordini. Questa storia la pubblichiamo per ricordare chi invece ebbe il coraggio di opporsi, ad otto anni.

"Va be, mi chiamo Luciana Romoli, sono nata il 14 dicembre 1930 [...]. Ero una ragazzina di Casalbertone, un quartiere che allora si trovava all'estrema periferia di Roma. Appartenevo ad una famiglia

Era nato a Quarto Sant'Elena, alla fine della prima guerra mondiale, quarantenne si trasferisce al Pigneto. Ferroviere di principi saldi partecipa agli scioperi del biennio rosso, organizza nelle officine la mobilitazione operaia e l'autodifesa dagli attacchi squadristi. Per questo nel 1922 viene licenziato,

Ai duri anni del dopoguerra seguono anni durissimi: Antonio è costretto ad inventarsi un mestiere ogni giorno. Un po fa il tappezziere un po il manovale. A via Ascoli Piceno 18, dove è