Oggi (lunedì 25 maggio n.d.r) abbiamo deciso di accompagnare una piccola ma combattiva delegazione del Comitato di quartiere del Quarticciolo in una delle sue iniziative volte a rivendicare diritti negati a una famiglia della zona.

Ci incontriamo tutti insieme di fronte al teatro-biblioteca del Quarticciolo e ci apprestiamo a seguire un gruppetto di abitanti del quartiere, che da circa un anno anima il Comitato formatosi proprio in occasione dell’emergenza legata a sfratti, sgomberi e

Casal Bruciato corteo antifascistaNel pomeriggio dell’8 maggio 2019 lo scenario che si trova di fronte chi risale dalla Tiburtina via di Casal Bruciato rappresenta uno spaccato devastante. Proprio sotto la casa popolare dove vive assediata la famiglia di Imer e Senada troneggia protetto dalle forze dell’ordine un gazebo allestito dai neofascisti di Casapound. Alcune decine di metri più avanti, letteralmente intrappolati tra una fila di blindati e i palazzi, stazionano i primi manifestanti che hanno raccolto l’appello dei

L'insula in fiamme crepita

Alita un soffio rovente

Riesco a sfilarmi la tunica

E i calzari disciolti.

Aristocratici servi garzoni

Gente di tutte le condizioni.

Guardano il fuoco.

Benedetto chi prende un secchio

Ladro o magistrato.

Prego tra questi di non scorgere

Chi questo incendio l'ha appiccato.

In via Ettore Fieramosca è comparso un piccolo altare laico dove ricordare l’ennesima vittima della povertà e della marginalità a Roma. Una fotografia del profondo sfregio fatto a Casalbertone, un quartiere che, a parte cementificazione, speculazioni e palate di soldi per costruttori e politici, non vede garantiti servizi, pulizia, manutenzione e lavoro per chi ci abita.

Ce l’aveva un nome la persona trovata carbonizzata accanto ai resti della sua baracca la mattina del 26 febbraio scorso a

CENTOCELLE VIA DEI CASTANIIl dibattito sulle isole pedonali è aperto. Prima di riportare le impressioni di un abitante di Centocelle a seguito di un’assemblea pubblica sulla pedonalizzazione di via dei Castani, non possiamo non considerare quanto avvenuto al Pigneto a partire dalla metà degli anni Novanta.

Un quartiere depresso, pieno di eroina, che però vede l’impegno degli abitanti in alcune rivendicazioni sociali: la riapertura del cinema Aquila, la sperimentazione della chiusura al traffico di parte di via del

Pigneto, luogo di gentrificazione, speculazioni edilizie, espulsione degli antichi abitanti. Un quartiere in mutamento che non è del tutto perduto. Lo dimostra la storia di via Fanfulla da Lodi. Per chi al Pigneto vive via Fanfulla evoca, più che il condottiero, una vicenda di solidarietà attiva. Fu quando, all'inizio degli anni 2000, un'ispezione chiuse quegli edifici fatiscenti, per cui gli affittuari pagavano però bei soldi, in nome della sicurezza abitativa. Allora gli affittuari, un gruppo

quarticciolo lotto VIIINella città di Roma in diversi quartieri, fra cui il Quarticciolo, gli inquilini senza titolo delle case popolari pagano regolarmente l’acqua nel bollettino mensile che ATER gli spedisce, eppure non possono avere un regolare contratto perché “abusivi”. 

Il comitato di quartiere del Quarticciolo denuncia che: “Siamo abusivi solo quando devono riconoscerci i nostri diritti, quando dobbiamo pagare non fanno distinzioni”.

Infatti dal 2014 è in vigore il decreto Renzi-Lupi, che impedisce

Da 25 anni abitavano in via Fanfulla da Lodi e ieri sono stati buttati per strada. Il fenomeno di espulsione dei poveri dal quartiere prosegue ininterrotto da diversi anni e anche questa volta ha colpito la comunità senegalese. L’appetito degli immobiliaristi romani non trova pace nel quartiere storicamente abitato da operai e popolato fino a pochi anni fa dalle baracche di Pasolini. L’attrattività turistica e gli affari della movida, assieme al gusto caratteristico delle abitazioni, hanno