CENTOCELLE VIA DEI CASTANIIl dibattito sulle isole pedonali è aperto. Prima di riportare le impressioni di un abitante di Centocelle a seguito di un’assemblea pubblica sulla pedonalizzazione di via dei Castani, non possiamo non considerare quanto avvenuto al Pigneto a partire dalla metà degli anni Novanta.

Un quartiere depresso, pieno di eroina, che però vede l’impegno degli abitanti in alcune rivendicazioni sociali: la riapertura del cinema Aquila, la sperimentazione della chiusura al traffico di parte di via del

Pigneto, luogo di gentrificazione, speculazioni edilizie, espulsione degli antichi abitanti. Un quartiere in mutamento che non è del tutto perduto. Lo dimostra la storia di via Fanfulla da Lodi. Per chi al Pigneto vive via Fanfulla evoca, più che il condottiero, una vicenda di solidarietà attiva. Fu quando, all'inizio degli anni 2000, un'ispezione chiuse quegli edifici fatiscenti, per cui gli affittuari pagavano però bei soldi, in nome della sicurezza abitativa. Allora gli affittuari, un gruppo

quarticciolo lotto VIIINella città di Roma in diversi quartieri, fra cui il Quarticciolo, gli inquilini senza titolo delle case popolari pagano regolarmente l’acqua nel bollettino mensile che ATER gli spedisce, eppure non possono avere un regolare contratto perché “abusivi”. 

Il comitato di quartiere del Quarticciolo denuncia che: “Siamo abusivi solo quando devono riconoscerci i nostri diritti, quando dobbiamo pagare non fanno distinzioni”.

Infatti dal 2014 è in vigore il decreto Renzi-Lupi, che impedisce

Da 25 anni abitavano in via Fanfulla da Lodi e ieri sono stati buttati per strada. Il fenomeno di espulsione dei poveri dal quartiere prosegue ininterrotto da diversi anni e anche questa volta ha colpito la comunità senegalese. L’appetito degli immobiliaristi romani non trova pace nel quartiere storicamente abitato da operai e popolato fino a pochi anni fa dalle baracche di Pasolini. L’attrattività turistica e gli affari della movida, assieme al gusto caratteristico delle abitazioni, hanno

quarticciolo

Domenica 16 dicembre nello spazio sociale Red Lab, nell’occupazione del Quarticciolo, si sono festeggiati i 20 anni da quel “12 dicembre 1998 alle ore 12.15”, come leggeremo nell’intervista che segue, quando la fu Casa del Fascio, poi divenuta Questura, per essere abbandonata in seguito, è diventata la casa di un gruppo di famiglie e giovani, che resiste ancora oggi.

N.b. I nomi dei tre intervistati e dell’intervistata, sono nomi di fantasia.

Perché venti anni fa avete deciso di occupare

L'occupazione abitativa del 4 stelle resiste alle minacce di sgombero dopo un incendio scoppiato all'interno della struttura. Nell'edificio abitano 400 persone di cui 100 bambini. Margherita dei Blocchi precari metropolitani spiega cosa sta succedendo.

comitati di quartiere Tufello romaLa redazione di Levante con l’intervista al Comitato di quartiere del Tufello da avvio ad un ciclo di articoli alla scoperta dei Comitati di quartiere contro gli sfratti nelle case popolari. Come abbiamo descritto nell’articolo precedente, nel quadrante est della città non solo sono presenti la maggior parte degli agglomerati delle case popolari del Comune di Roma ma i suoi abitanti sono in credito con le amministrazioni per mancanza di servizi e infrastrutture adeguate a vivere una vita di

Due sgomberi in meno di 4 mesi: è questo il modo in cui il Comune di Roma ha deciso di affrontare la situazione di circa 120 persone, cittadini di origine sudanese. Da anni residenti in un edificio in via Scorticabove, periferia est di Roma – un centro di prima accoglienza gestito da una cooperativa che, una volta coinvolta nell'inchiesta Mafia Capitale, ha abbandonato il campo, dove le persone hanno deciso di rimanere autogestendo lo spazio – il 5 luglio scorso sono stati sgomberati, senza