2020 2 24 lucha y Siesta htm 1bd43c15357409e3Abbiamo raccontato la storia di Lucha y Siesta qualche mese fa.

Onestamente non ci saremmo aspettati che le cose deGenerassero fino a questo... punto.

Oggi Lucha y Siesta - con le operatrici, le sue donne, le sue attiviste colme di coraggio e di voglia di dar soluzioni concrete ad urgenze ed a delicatissimi bisogni - narra di una amara vicenda; la triste storia di una ingiustizia perpetrata ai danni di chi ha GIA’ subito, coercizioni, sopraffazioni, soprusi e violenza.

Si toglie al popolo per dare al popolo?

Il bisogno umano non è mai stato quello delle macchine conta soldi.

Eh! Siate bravi!

E’ per il popolo che esiste l’Atac, i politici e i grandi imprenditori usano mezzi super privati...o no?

E’ per il popolo che esiste una costituzione, un parlamento, uno stato, un comune, una regione, un municipio...o no?

Non è di oggi e non appare per nulla strano che i grandi prendano il gruzzolo ed al popolo si arrivi con le briciole, si sa ed è (quasi) sempre stato così.

Ora però siamo oltre, oltre il possibile, oltre il logico e ben oltre ogni ragionevole senso.

Siamo con Lucha Y Siesta e con i cittadini; siamo con chi si autodetermina in questo silenzio insopportabile del welfare state; siamo con chi si ciba d’amore e si nutre di essenziale.2020 2 24 lucha y Siesta htm 1

Siamo con le donne che hanno dato cuore testa ed anima ad un progetto unico e raro, prezioso e pieno di frutti e risultati.

Sarebbe bello che le nostre amministratrici e politiche ricordassero di essere donne quando operano delle scelte per la comunità e non solo per mettersi in posa davanti ad un flash ed un obiettivo.

In un paese dove esistono le quote rosa le nostre amministratrici si pregiano del risultato ottenuto occupando un posto importante, ma dimenticano che è solo allora che si comincia, non è certo un risultato finale. Invece eccole là a farsi portavoce del pensiero più becero dei peggiori patriarcati.

Facciamo focus e l’obiettivo è una meta e non parte di una reflex.

Noi siamo con le donne, quelle VERE, quelle che si ascoltano prima di decidere; quelle che hanno fatto storia, rivoluzioni, che fanno aprire occhi e testa; le donne capaci, abili a tener saldi, utili a tenerci uniti, miracolose nel metter pace; stiamo con le donne: perché sono sempre state le donne ad aver gestito, amministrato, tenuto i conti e fatto quadrare i bilanci nel modo più impeccabile, elegante e decoroso. Così è sempre stato, così fanno ed hanno sempre fatto le VERE GOVERNANTI.

Ops, governanti?

2020 2 24 lucha y Siesta htm 801cabf4f478c63Lo scorso Martedi 18 febbraio ”Lucha Y Siesta” insieme alla “Casa Internazionale delle Donne” era al Campidoglio per riconfermare la loro storia, la loro voce, la loro presenza.

Quel pomeriggio, però, la porta del Campidoglio era chiusa, nessun componente dell’amministrazione capitolina era disponibile ad ascoltare - ancora per una volta.

Mentre la politica gioca al: facciamo finta di fare sul serio! La realtà la porta avanti il popolo, il popolo che ci mette il cuore, che sogna e che fatica.

Ecco che la politica la fa la gente, quella gente che manca nei numeri, per distrazione, per delega, per fiducia in parole vuote e chiacchiere; in parole che se fosse un sano respiro di sola aria sarebbe una bellezza.

Certamente è il popolo, il popolo sovrano e nobile, che dovrà ridere per ultimo!

 

 

2020 2 24 lucha y Siesta htm 7095508470323fab

A seguire i Link del comunicato di Lucha y Siesta

Di seguito i link per l’appuntamento di martedi 25 febbraio

https://luchaysiesta.wordpress.com/

https://www.facebook.com/lucha.ysiesta/

 

Altre informazioni

https://www.casainternazionaledelledonne.org/index.php/it/progetti/lucha-y-siesta-non-si-vende

https://www.internazionale.it/bloc-notes/annalisa-camilli/2019/12/23/lucha-y-siesta-regione-lazio-finanziamento

https://www.iltempo.it/roma-capitale/2020/02/20/news/nicola-zingaretti-pd-da-soldi-alla-casa-delle-donne-roma-poi-marcia-indietro-scandalo-regione-lazio-1283145/

https://roma.fanpage.it/virginia-raggi-dice-si-allacquisto-di-lucha-y-siesta-ma-cancella-lautonomia-delle-donne/