2019 01 06 befana in biciclettaB - Ecco qua, Quartiere bello, ce risemo, è passato n’anno esatto, dimme n’po - come è andato, che s'è fatto? Anche se 'sto sacco pieno me insinua er solito sospetto che pure st'anno t'hanno offeso, trascurato, fatto quarche artro dispetto.

Q - Da 'n do comincio, vecchia mia? Dar Kram kram della voracità che dopo le illegalità c'avemo denunciato s’e’ dovuto de parecchio ridimensionà, ma incombe ancora su 'sta piazza, strappata co' la lotta e co' li denti all'ingordigia de 'sti imprenditori prepotenti?



O preferisci incomincia' co' la comunità senegalese che da via Fanfulla pure l'hanno fatta sgombera'? Pe 'n paio che passavano di lá con 'n po' de borze contraffatte pe' magnà, nu l'hanno messi in strada tutti quanti, pure chi non c'entrava gnente, che so trent'anni che sta qua, che c'ha n'età, che vive onestamente? E penza che pagavano l'affitto regolare. E il padrone che se lo 'ntascava puntuale, n'aveva già venduto casa loro da 'n par d'anni a n'immobilare!  

B - Ooohhiii, che mal di schiena, che brutto affare, quanti sacchi de carbone pure 'st'anno me tocca consegnare! Ma, dimme un po', è nota e risaputa la tua ospitalità, e a 'sti africani j'avrai certo trovato n'artra casa a 'ndo abita'.

Q - E mica è semplice. Quer tessuto popolare, scanzonato e solidale, venuto su da n'immigrazione secolare, è aggredito dalle iene e gli avvortoi der capitale. L'avrai visti: miriadi di locali mangia e bevi, bed and breakfast pe' turisti. Te torgono i servizi, aumentano l'affitti. E i residenti che qui c'erano nati, o c'erano arrivati dar prezzo degli affitti incoraggiati, se ne so annati. Un ripulisti. Mo me chiamano 'er quartiere de l'artisti'!

B - Me se spezza er core, pe' non dì' la schiena, co' tutto sto carbone da porta'. E visto che ce semo, a sta piazza je li vojo ricordà 'sti du' giovani ribelli - Persiani e Nuccitelli -  che  pe' liberacce dalla guerra e artre infamità, ar punto de moricce se diedero da fa'.

Q - C'hai ragione, se dovemo da' da fa'. Che quanno er Pigneto fra quarch'anno la terza stazione de Roma diventerà, sai quant'artri ancora speculeranno!

B'-  E tutto er tempo dei lavori che il ponticello abbatteranno: per passa' da 'na parte all'artra come  funge?  

Q - Che Prenestina o Casilina devi raggiunge'. Che se sei giovane va pure bene, ma se sei vecchio? Se sei 'na madre co' la carrozzina? o in carrozzella sei costretto? Che poi, fatta salva l'utilità della stazione, servirà davvero sta grand'operazione de coprì de cemento er vallo e lascia' pe' anni 'sto quartiere in stallo?  

B - Aho, io c'ho n'età, sto qui specie pe' li ragazzini, pe' portaje du' cioccolatini e 'na nota d'allegria prima che 'ste feste me le porto tutte via!

Q - Beh, un passaggio a piazza Malatesta nun te lo voi fa'? Nu la volemo più verde, più gioviale e l'estate co 'n po' d'ombra pe' nu rischià de collassa'? Che pure se ce so' li sòrdi ed è già passato n' anno, ar municipio ce stanno ancora a penza'...

B - E certo, tocca falli move, falli sbriga'. Portamoje er carbone pure là! Ma nu me di' che st'anno nun festeggiamo gnente...

Q - Come no! Proprio giorni fa avemo brindato allegramente che lo storico 81 ar capolinea Malatesta è ritornato: nu' me l'avevano scippato! Quanto fiato sur collo delle istituzioni, quanto tempo, quanti sforzi quotidiani: che c'avevano provato a risparmia' su 'sto quartiere e sulla pelle dell'anziani!  

B - Senti' questo me rallegra. Che a sti vecchi nun ce penza più nessuno, e io ne so quarcosa: ste liste interminabili pe' fasse visità! E se stai grave quanti sòrdi in più tocca sborza' intra le mura de 'sto servizio pubblico. N'artra ingiustizia contro cui tocca lottà!  

Avanti così Quartiere bello, porta alta la bandiera dell'impegno, della lotta, della solidarietà.

Me raccomanno - nu' mollà!